Avanguardia, tradizione e cultura locale al Man di Nuoro

Lunedì, 06 Febbraio 2017,
Il Man, museo d’arte della provincia di Nuoro, apre al pubblico nel 1999 all’interno di un edificio degli anni Venti situato nel centro storico della città. Il primo nucleo della collezione nasce dall’accorpamento di alcune raccolte pubbliche (provincia, comune, ente provinciale per il turismo, etc..). L’idea di una pinacoteca provinciale trova presto sviluppo in un progetto museale in cui al lavoro di ricerca e conservazione si affianca un’intensa attività espositiva e laboratoriale. La collezione si arricchisce sempre più e nel 2004 il museo acquisisce autonomia gestionale, strutturandosi come istituzione senza personalità giuridica, ed entra a fare parte di Amaci, l’Associazione nazionale dei musei d’arte contemporanea italiani. Nel 2013 il Man ottiene il riconoscimento regionale come museo d’eccellenza. La sede attuale si trova all’interno di un antico palazzo d’epoca ristrutturato in modo esemplare per poter accogliere le più svariate collezioni. Ospita opere di artisti sardi e non, riconosciute sia a livello nazionale che internazionale. È un museo contemporaneo e all’avanguardia ma allo stesso tempo legato alla tradizione e alla cultura locale, sempre in continuo mutamento e mai banale. Fiore all’occhiello di Nuoro, è curato e gestito da personale competente e professionale. L’edificio si sviluppa su quattro piani e vi sono diverse sale dove vengono allestite numerose mostre temporanee, solitamente quattro all’anno, e permanenti che consistono nell’esposizione di 200 opere di maestri sardi del XX secolo del calibro di Antonio Ballero, Giuseppe Biasi, Francesco Ciusa, Mario Delitala, Carmelo Floris, Costantino Nivola e altri. Inoltre il Man ha il privilegio di disporre dell’unica raccolta di disegni e ceramiche di Salvatore Fancello e del corpus grafico dell’opera di Giovanni Pintori. In attesa della conclusione dei lavori di ampliamento della sede museale, le opere della collezione del Man sono visibili a rotazione all’interno degli spazi espositivi, di volta in volta riallestiti seguendo criteri differenti, con percorsi sia tematici sia dedicati a singoli artisti. Rappresenta una delle più importanti attrazioni culturali di Nuoro, da visitare anche per chi non è esperto d’arte ma un semplice curioso o amante del bello. Il dipartimento educativo del Man, accessibile ai disabili in quanto privo di barriere architettoniche, organizza visite guidate, laboratori e progetti speciali di mediazione e didattica per i diversi livelli di utenza. È visitabile tutti i giorni della settimana compresi  i festivi tranne il lunedì. Per tutte le info visitare il sito www.museoman.it Anna Paola Olita

ARCHITETTURA ALTRI ARTICOLI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI