Una "mostra visionaria" a Perugia

Mercoledì, 25 Giugno 2014,
Paesaggi Invisibili. Questo sarà il titolo della mostra di Paolo Grimaldi, che verrà inaugurata il 27 giugno presso il Ristorante Nanà di Perugia, in occasione della notte bianca di Borgo XX Giugno. L'evento, a cura della storica e critica d’arte perugina Claudia Bottini, sarà ad ingresso libero, patrocinato dal Comune di Perugia e dalla Fondazione PerugiaAssisi 2019 e resterà visibile fino a settembre. Paolo Grimaldi è diventato con i suoi Borghi Onirici uno dei pittori più noti e apprezzati del panorama artistico europeo. Quadri ermetici e simbolici, paesaggi luminosi, uno stile inconfondibile, all'apparenza indecifrabile ma pieno di senso profondo, quello che si evince dalle opere del pittore e che la mostra ne mette in risalto. L’arte italiana del Rinascimento che ha ispirato il Grimaldi, costituisce una componente fondamentale del suo linguaggio artistico. Dopo il trasferimento in Umbria il pittore conosce da vicino anche gli scorci della Perugia medioevale e ciò influenza la sua opera. In questa mostra verranno esposti per la prima volta alcuni dei suoi nuovi lavori. Tele che saranno l'unione perfetta tra il materiale e lo spirituale, dai paesaggi onirici si passerà a quelli invisibili, mentali, visibili nei loro infiniti particolari solo grazie alla luce. Il Sacro e il Profano del 2013 è la prima di questa serie, già esposta con successo alla mostra Omaggio a Emilio Greco a Spello. Nei Paesaggi Invisibili non ci sono più architetture, bensì altre figure, come una donna dai lunghi capelli, che guarda e addita pensosa il cielo. Al di là dei soggetti, la luce del fondo oro o argento resta il mezzo di irradiazione del messaggio.

ALTRI EVENTI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI

ALTRI EVENTI RIFLESSO

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI