Stefano Accorsi e Filippo Timi tornano in Umbria

Giovedì, 12 Marzo 2015,
Da quando mercoledì 12 ottobre si è inaugurata la stagione teatrale 2016-2017 al Teatro Morlacchi di Perugia, si sono succeduti molti spettacoli di spessore, dal teatro alla danza, senza considerare gli attori dal blasone nazionale indiscusso. Tutto ciò conferma le dichiarazioni del direttore Franco Ruggeri avvenuta durante la cena di presentazione nelle splendide sale destinate alla ristorazione dell'azienda di Brunello Cucinelli: "Desideriamo essere un punto di riferimento per la città". La grande attenzione riservata alla Compagnia dei Giovani quest'anno si è tradotta nel coinvolgimento di Fabrizio Bentivoglio. I giovani si sono misurati con un protagonista del teatro italiano e il pubblico ha risposto in maniera molto positiva. Nelle parole del Presidente della Fondazione Umbra Brunello Cucinelli c'è la consapevolezza che quella dell'anno passato (la stagione 2015-16 conclusa con un grande Peter Brook al Teatro Cucinelli di Solomeo) è stata la migliore stagione di sempre e lo sforzo profuso quest'anno si è risolto in un tentativo di emularla. Durante la cena si erano rammentate le parole di Albertazzi 3 anni or sono: "La dimensione di Solomeo è quella perfetta per il teatro che intendo io". L'assessore alla cultura della regione Umbria Fernanda Cecchini aveva confermato il sostegno degli anni passati. Ad oggi, il lavoro svolto dal Teatro Stabile dell'Umbria continua ad essere apprezzato. Ugualmente il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio così come Maria Teresa Severini si compiacciono del sostegno e delle motivazioni che il TSU incrementa con i suoi progetti. "I nostri giovani devono rimanere qui, non andare altrove" aveva commentato l'assessore alla cultura del Comune di Perugia. Prossimamente, dal 14 al 19 marzo, al teatro Morlacchi ci sarà Filippo Timi che interpreterà, Casa di Bambola, un'opera fondamentale della produzione del drammaturgo danese Henrik Ibsen, datata 1879. L'innovativa regia di Andrée Ruth Shammah, grazie a complessi intrecci fatti passioni, truffe, inganni, calcoli e rese dei conti, mette in risalto i differenti ruoli maschili e femminili. Il testo è stato considerato come un manifesto dei diritti delle donne. Al Teatro Cucinelli di Solomeo, martedì 14 marzo e mercoledì 15 ci sarà Stefano Accorsi con Marco Bailani. I due interpreteranno Giocando con Orlando, uno spettacolo tratto dall'Orlando Furioso di Ariosto. Lo spettacolo parte dalle due storie d'amore principali: il paladino Orlando che insegue la bella Angelica e la guerriera cristiana Bradamante innamorata di Ruggiero, cavaliere saraceno destinato alla conversione, per poi moltiplicare i personaggi, creandone altri intorno, mostri compresi. Questi giocano sulla corrispondenza delle rime infilate in un ritmo galoppante, con molta improvvisazione verbale, con rime difficili da trovare e gesti difficili da compiere. La stagione teatrale si avvia verso la conclusione ma ci sono ancora spettacoli che meritano grande attenzione. Sul sito del TSU, www.teatrostabile.umbria.it, è possibile vedere la programmazione rimanente ed acquistare i biglietti.

ALTRI EVENTI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI

ALTRI EVENTI RIFLESSO

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI