European Youth Capital 2018: la candidatura di Perugia

Venerdì, 01 Maggio 2015,
L'obiettivo sarà perseguito con grande determinazione, attuando uno sforzo congiunto di tutte le associazioni giovali presenti nel territorio umbro; quando si è deciso di rinnovare la candidatura di Perugia a Capitale dei Giovani 2018 il sentimento predominante deve essere stato questo. La precedente avventura iniziata con grande entusiasmo non era terminato come previsto: la vittoria della città bulgara Varna, giunta per altro alla quinta candidatura, era stata accolta con delusione da tutti coloro che si erano prodigati nello sviluppo dell'ambizioso progetto. Cionostante, la candidatura a Capitale dei Giovani 2017 ha innescato un meccanismo virtuoso che si è concluso in prima istanza con la creazione del Forum Regionale dei Giovani dell'Umbria. Il nucleo embrionale che ha supportato e sostenuto il progetto del 2017 è stato lo stesso che più si è speso per la creazione del Forum. Il bagaglio che ci si porta dietro per questa nuova candidatura è decisamente più solido: le priorità portano come sempre a mirare alcune debolezze insite nella città e a cui si vorrebbe ovviare sostenendo questo progetto. Gli ambiti in cui si concentreranno gli sforzi maggiori interessano principalmente sei tematiche o gruppi. La prima è un grosso calderone che comprende multiculturalismo insieme con arte e cultura; educazione e formazione procedono a braccetto nel secondo gruppo; il terzo è rappresentato dal volontariato; l'occupazione giovanile e l'imprenditorialità rappresentano una delle sfide più interessanti previste dal progetto; il quinto gruppo si occuperà del delicato tema di integrazione di giovani stranieri e del dialogo interreligioso; infine il sesto affronterà i temi della giustizia. La prima scadenza del 28 febbraio era rappresentata dall'invio del Concept Note, una bozza del progetto che indicasse le linee guida. In questo caso è richiesta il supporto di una struttura giovanile, il Forum, a cui si aggiunge il sostegno della Regione Umbria. Si arriva così al 29 aprile giorno in cui sono state comunicate le 5 finaliste e Perugia è ancora lì a giocarsela fino in fondo. Le altre quattro finaliste sono la città portoghese Cascais, l'ungherese Kecskemet, Manchester, e Novi Sad in Serbia. Il portavoce del Forum Gabriele Biccini non nasconde la sua soddisfazione: "Dal 2013, la Capitale europea dei Giovani è migliorata molto nella progettualizzazione e nella pianificazione in favore di questo importante riconoscimento e per la seconda volta consecutiva Perugia è nella shortlist finale". Adesso sarà necessario compilare in maniera integrale la proposta progettuale: la scadenza di questa incombenza è il 28 giugno. L'esito finale sarà atteso per novembre 2015: l'annuncio sarà effettuato nel corso del Congresso del Forum Europeo dei Giovani. Perugia prosegue nella sua rigenerazione. We Are, we Dare.

RECENSIONI ALTRI ARTICOLI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI