aaa

facebook iconyoutube iconinstagram icon rmc2
MILANO - MONTECARLO - MIAMI

La scultura moderna nel cuore antico di Matera

Quando si parla di Matera si pensa ai Sassi, patrimonio dell'umanità dell’Unesco dal 1993, un vero e proprio paesaggio culturale in cui le necessità urbane si sono adeguate nel tempo alle risorse fornite dalla natura. E l'intervento degli artisti ha compenetrato l'arte modellatrice della natura. Il risultato è ammirabile nella suggestiva cornice di Palazzo Pomarici dove ha sede il Museo della Scultura Contemporanea di Matera, il Musma.

Questi possiede una vasta collezione di opere esposte che narrano la storia della scultura italiana e internazionale dalla fine del XIX secolo ai giorni nostri.

Il palazzo è anche conosciuto come Palazzo delle Cento Stanze, rinominato così dalla fantasia popolare sempre piena di vezzeggiativi fantasiosi. L'edificio è immerso nel cuore del Sasso Caveoso e fu costruito tra il XVI e il XVII secolo su preesistente nucleo di grotte scavate nel tufo, una porzione delle quali era stata sede, nel XIII secolo di un convento domenicano.

Nel 1697 l'edificio fu venduto dal proprietario dell'epoca, conte Placido d'Affitto, a Cesare Pomarici, giovane patrizio discendente di una nobile e benestante famiglia del potentino.

L'allestimento segue un duplice criterio in virtù del fatto che la grotta esistente è stata completata dalla costruzione di un'altra, trasformando il retaggio storico in testimonianza di nuova cultura.

Il piano “nobile”, un tempo abitazione della famiglia Pomarici, ospita opere in ordine cronologico; gli ipogei, invece, espongono opere di artisti nazionali ed internazionali, dando vita ad un allestimento “ambientale”.

Grazie all'arte contemporanea e in particolar modo alla scultura, l'ambiente espositivo non è più un mero contenitore ma diventa parte integrante del manufatto. La maggior parte degli artisti predilige una visione dello spazio come protagonista dell'azione plastica e questo si invera se vige parità tra opera e luogo di esposizione. Tutto ciò è riscontrabile nei sette ipogei e nei tre cortili del piano terra.

Alcune opere sono state ideate appositamente per il Musma, altre entrano in simbiosi con l'ambiente, alterandolo e alterandosi. Completano le aeree espositive le Sala della Caccia, quattro ambienti con pitture parietali risalenti al 1600 e destinati alle mostre contemporanee, e la scaletta della Grafica e della Ceramica.

Inaugurato nel 2006, il Musma è un progetto culturale della Fondazione Zétema di Matera ed è inserito nel programma Distretto culturale dell'Habitat Rupestre della Basilicata.

C'era un tempo in cui lo storico dell'arte Giuseppe Appella, insieme al Circolo culturale La Scaletta, organizzava le grandi mostre dei Sassi. Furono delle antologiche di scultura contemporanea che a partire dal 1978 rappresentarono un punto di riferimento per il fermento culturale della città. Si trattava dello spunto originario per la costituzione di un museo di scultura contemporanea nella città dei Sassi il cui allestimento è a cura dell'architetto Alberto Zanmatti.

La collezione proviene esclusivamente da donazioni di artisti, collezionisti privati, critici d'arte, gallerie nazionali e internazionali a cui si aggiungono le opere progettate e realizzate appositamente per il Musma.

Il museo dispone anche di una biblioteca intitolata all'editore milanese Vanni Scheiwiller, con più di 6000 volumi e 200 video. Raccoglie inoltre una ricca collezione di monografie, cataloghi, libri d'artista, documentari, a disposizione di studiosi e studenti dell'Università, delle Accademie di Belle Arti e dei Licei artistici.

Con una diversificata offerta didattica il museo si indirizza anche ai giovani scolari: le iniziative mirano a vedere con occhi diversi la scultura, dall'ideazione alla creazione, stimolando la curiosità e l'interesse per il bene culturale.

Infine, oltre alle mostre temporanee, il Musma si impone come polo culturale di tutto rispetto grazie anche ai numerosi eventi teatrali e musicali che animano l'affascinante scenografia del Palazzo delle Cento Stanze. www.musma.it