aaa

facebook iconyoutube iconinstagram icon rmc2
MILANO - MONTECARLO - MIAMI

FONDAZIONE FRANCO ALBINI

“Valorizzazione, formazione, emancipazione, ispirazione, scoperta, motivazione, sono solo alcuni dei valori strettamente legati al tema dell’innovazione e della creatività”. Con queste parole Paola Albini, vicepresidente della Fondazione Franco Albini parla dell’istituzione, arrivata al suo decimo compleanno. Nata a Milano nel 2007 come omaggio all’architetto e designer Franco Albini, icona del Razionalismo, e come polo culturale per poter divulgare il suo archivio, ma soprattutto il suo metodo progettuale ancora oggi attuale. In questi anni la Fondazione ha spaziato tra attività “istituzionali” fatte per valorizzare e divulgare l’archivio, dichiarato nel 2002 Patrimonio Storico Nazionale, ed altre più emozionanti e “mondane” con lo scopo di coinvolgere la cittadinanza alla riflessione su temi appartenenti alla nostra storia. Durante il 2017 ci sono state una serie di iniziative, che culminano il 17 ottobre alle ore 18.30 nella sede in via Telesio 13 a Milano. Per la chiusura delle celebrazioni, in anteprima assoluta, la proiezione del trailer del documentario “Franco Albini uno sguardo leggero” prodotto dalla Fondazione Franco Albini e da Sky Arte in collaborazione con Timex Archive e realizzato da 3d Produzioni.Un racconto lungo dieci mesi, un segno che inizia dagli anni Trenta con le opere dell’architetto e prosegue oggi con lo studio associato del figlio Marco e del nipote Francesco, che ne adeguano il pensiero alle esigenze della contemporaneità. Il programma ha visto coinvolte, tra le altre, realtà come la Triennale, Palazzo Marino e il Politecnico. Gli obiettivi sono rilanciare valori metodologici che hanno resistito al tempo, come ponte per il futuro; valorizzare i giovani talenti; attirare diversi target di utenza, diffondendo la cultura architettonica con eventi per tutti; portare alla riflessione di un senso collettivo e sociale legato alla propria professione; divulgare il ruolo della città di Milano come culla dell’innovazione di ieri e di oggi, sviluppando un network tra le varie istituzioni milanesi pubbliche e private.