"Divine Astrazioni. Collezioni di Informale"

01.09.22 , Eventi , Collaboratore Riflesso

 

È aperta al pubblico da sabato 17 settembre a domenica 6 novembre ad Acqui Terme (Al), al Civico Museo Archeologico la mostra dal titolo "Divine Astrazioni. Collezioni di Informale", a cura di Laura Garbarino e Paolo Repetto, ideata e coordinata da ComitArt e realizzata dal Comune di Acqui Terme, Assessorato alla Cultura. La cerimonia di inaugurazione si svolge sabato 17 settembre alle ore 18, anticipata da un’anteprima stampa alle ore 16.

La Mostra Antologica è stata sospesa dopo 48 edizioni a causa del Covid-19 e l’obiettivo del 2022 è riportare l’eccellenza dell’arte sul territorio acquese, conservando il tradizionale appuntamento ma con un’immagine e delle idee nuove, a cominciare dal luogo: il Castello dei Paleologi.

"Divine Astrazioni. Collezioni di Informale" include circa 30 opere di 28 autori, provenienti da collezioni private del nord Italia. La mostra affronta un arco temporale che attraversa il Novecento, con particolare attenzione al periodo che va dal ’40 al ’60, ed è dedicata ai maestri dell’Informale, il movimento che ha rappresentato ed espresso con la propria arte la macerazione e la sofferenza causati dalla guerra e dalla distruzione morale e materiale che questa ha generato. Sono presenti opere significative di Afro, Birolli, Burri, Capogrossi, Colla, Chighine, de Staël, Dorazio, Fautrier, Fontana, Garelli, Hartung, Leoncillo, Lavagnino, Mathieu, Milani, Morlotti, Novelli, Poliakoff, Romiti, Riopelle, Ruggeri, Santomaso, Tancredi, Tapiès, Tobey, Vedova, Wols.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testi dei curatori Laura Garbarino e Paolo Repetto, e dal contributo di Francesco Poli in dialogo con Repetto, mentre Garbarino ha coinvolto una pluralità di voci, coinvolgendo amici curatori, critici ed artisti a raccontare l’Informale oggi, ringraziando infatti Anna Daneri, Vittoria Martini, Paola Nicolin, Roberto Coda Zabetta. Il catalogo è pubblicato da Li.Ze.A. di Acqui Terme, e i crediti fotografici sono di Daniele De Lonti ed Enrico Minasso.

ALTRI EVENTI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI