• George Lucas sceglie Passignano sul Trasimeno, fantascienza o realtà?

    Sabato, 09 Febbraio 2013,
    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Le dolci colline umbre impreziosite da eccellenti dimore storiche hanno colpito anche la raffinata sensibilità del regista, sceneggiatore e produttore cinematografico californiano George Lucas. È proprio nelle verdi terre che si affacciano sul Trasimeno, nel comune di Passignano, che l'ideatore di celebri pellicole ha acquistato e ristrutturato l'ex convento dei Cappuccini, costruito nel 1566, per adibirlo a residenza estiva. Scoperto sfogliando una rivista di arredamento, la costruzione in pietra di 800 mq, circondata da querce e cipressi, con annessa una piccola chiesa e campanile, è stata acquistata per 6 milioni di dollari. La chiesa è ancora pubblica e dovrà essere concessa al Comune in alcuni prestabiliti giorni dell'anno. Lucas ha seguito saltuariamente i lavori di restauro della proprietà e la realizzazione di un'ampia biblioteca, sala da biliardo, sala cinematografica per 200 spettatori e di una Spa.Sembra che Steven Spielberg, Robert De Niro, Francis Ford Coppola e Ron Howard, siano stati tutti ospiti del Festival in occasione dell'Umbria Jazz 2011 per incontrare la loro amica Liza Minelli che si sarebbe esibita alla manifestazione. Sicuramente Lucas avrà apprezzato non soltanto la bellezza paesaggistica che offre Passignano con i suoi meravigliosi tramonti ma certamente anche la quiete e la serenità da clima vacanziero che ha contribuito a piazzare il comune al 19esimo posto in classifica per indice di vivibilità in Italia. Un tempo eravamo noi a sognar l'America, ora è l'America a sognar noi? L'idea di produrre film in maniera indipendente, libera da condizionamenti spesso legati agli indirizzi delle maggiori case cinematografiche hollywoodiane, ha spinto Lucas a fondare a San Francisco negli anni '70 la Lucasfilm, affiancata da studi specializzati nelle tecnologie come l'Industrial Light & Magic e la Skywalker Sound. Dopo il successo di "American Graffiti" sarà "Guerre Stellari" del 1977 premiato con ben 7 Oscar (effetti speciali, direzione artistica, scenografie, costumi, sonoro, montaggio e commento musicale), insieme a "Star Wars" e "Indiana Jones", ad affascinare l'immaginario di intere generazioni rivoluzionando, inoltre, con la digitalizzazione e l'animazione grafica per gli effetti speciali, la disciplina cinematografica. Casi di enorme successo commerciale, di pubblico e di critica anche grazie alla fertile politica del merchandising relativo ai films. "Star Wars – afferma George Walton Lucas Jr. – è stato per me un sogno reale ed esoterico al tempo stesso: sono qui per dirvelo anche con i mezzi digitali, ma prima con la mia passione di narratore di storie armato di parole, emozioni, cinepresa".
    Letto 1776 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Dicembre 2018 19:33
    Giulio Siena

    01.07.18, Autori

    Collaboratore Riflesso - Giulio Siena

    Collaboratore
    Architettura, Arte.