Dieta Zona come cura

Lunedì, 01 Ottobre 2012,
La Dieta Zona è un Life-style vero e proprio, non un trattamento volto ad ottenere semplicemente la perdita di peso. Si chiama così perché il Dr. Barry Sears, suo ideatore, ha individuato la "zona" ideale dell'insulina prodotta dal nostro pancreas dopo un pasto: né troppo bassa, né troppo alta. Ciò è alla base del nostro benessere in quanto questo controllo ormonale stimolato principalmente dai carboidrati,è legato alla sensazione di fame, sazietà, lucidità mentale, produttività. Il cibo quindi diventa un mezzo importante per controllare i nostri ormoni. La Dieta Zona è stata la prima dieta a definire il concetto di controllo ormonale attraverso il cibo. Infatti a questo è unito il concetto di bilanciamento dei nutrienti, cioè carboidrati, proteine e grassi devono essere presenti in ogni pasto della giornata con percentuali ben precise che sono rispettivamente 40-30-30. Concetto che il Dr. Barry ha ribadito nelle due relazioni tenute recentemente a Perugia (Regione e Università per gli Stranieri). I carboidrati nella Zona per spiegare l'influenza che hanno sugli ormoni, sono divisi secondo l'indice e il carico glicemico, concetti scientifici che ci raccontano molto sul viaggio del nutriente nel circolo sanguigno. I carboidrati favorevoli della Zona sono la frutta e la verdura, alimenti colorati che contengono, oltre ai glucidi, polifenoli composti antiossidanti capaci di influenzare l'espressione dei nostri geni. Le proteine nella Zona sono consigliate magre e devono esser presenti ad ogni pasto per garantire la sazietà e, soprattutto a colazione l'avvio della sintesi proteica per la costruzione della fibra muscolare. Ai grassi nella Zona è attribuita la possibilità di modulare, "l'infiammazione silente", quel tipo di infiammazione cellulare derivante dalla "tempesta nutrizionale" di un pasto fuori Zona. Il grasso da privilegiare è quello dell'olio d'oliva extravergine e della frutta oleosa (mandorle,noci,pistacchi,avocado) ottima quest'ultima anche per il contenuto di importanti oligoelementi e vasodilatatori. Nella Zona viene consigliato l'uso di olio di pesce, ricco di omega 3,componente essenziale della membrana cellulare. Importante è l'uso di altri acidi grassi essenziali come gli omega 6. La bilancia tra gli omega 3 e gli omega 6 è fondamentale per evitare l'infiammazione cellulare, di conseguenza per il mantenimento della salute. Se possiamo riassumere la Zona, essa è una dieta a moderato indice e carico glicemico per controllare l'insulina, un uso di omega 3 per contrastare l'infiammazione cellulare e un consumo di polifenoli per aumentare le nostre difese antiossidanti ed immunitarie. Naturalmente, l'attività fisica moderata completa e valorizza quello che la dieta Zona produce di base, cioè efficienza psico-fisica e benessere.

AMBIENTE ALTRI ARTICOLI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI