La baia di Cannes, candidata a patrimonio mondiale dell'umanità

Martedì, 15 Settembre 2015,
David Lisnard, sindaco di Cannes, Vice Presidente del dipartimento Alpes-Maritimes, vuole proteggere e valorizzare il patrimonio naturale, culturale e spirituale della sua città con l'iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO della baia di Cannes, con le isole di Lérins, e della mitica Croisette. David Lisnard ha formalizzato la candidatura di Cannes con una lettera a Fleur Pellerin, Ministro della Cultura e della Comunicazione. Tutti i vantaggi di una candidatura degna di attirare l'attenzione del Comitato di selezione sono riuniti nel cuore di questo sito unico al mondo, il cui valore eccezionale risiede sia nelle sue caratteristiche ambientali che nel patrimonio culturale, tracciando 2300 anni di storia. Abitate fin dai tempi antichi, le isole di Sainte-Marguerite e di Saint-Honorat hanno conservato le testimonianze culturali delle popolazioni multiple e la presenza della Congregazione Cistercense della Immacolata ne ha fatto un centro di spiritualità. In quindici minuti di battello da Cannes si arriva alla piccola isola di Saint-Honorat lunga circa 1500 e larga 400 metri, al centro si trova una bella abbazia, dove i monaci cistercensi coltivano la vite e producono del buon vino. L'isola circondata da un mare limpidissimo è coperta da un bel bosco, da frutteti e vigne, tra cui spicca la torre fortificata del XI secolo edificata direttamente sul mare per dar rifugio ai monaci durante i ripetuti attacchi all'isola. Il sito si propone per l'integrazione del patrimonio mondiale dell'Unesco includendo la Croisette, luogo mitico e glamour, scenario di eventi internazionali, di incontri e scambi culturali, commerciali e ricreativi. Questo potente contrasto tra il paesaggio bucolico e tranquillo delle isole e l'emozione di una città che vive nel commercio internazionale è senza dubbio un punto culminante della nomina.

AMBIENTE ALTRI ARTICOLI

PRECEDENTI

PRECEDENTI

IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

NUOVI

NUOVI